Anche quest’oggi nello #spaziounderground abbiamo una Band, da Lucca.
Ciao, B.K.! Benvenuti su Modern Rock Picking! Raccontateci un pò, come mai questo nome?

La B è l’iniziale di blues, mentre invece la K è la lettera iniziale di rock.
Sono i generi a cui facciamo riferimento, le nostre radici e il nostro
punto di partenza.

Da quanto suonate insieme?

Suoniamo insieme da Giugno 2013. Tutto è cominciato quando io (Mat-
teo) ho cercato Leonardo e Luca per fondare un gruppo con cui fare
rock-blues. Michele si è aggiunto dopo poche settimane. Nel corso di
questi 6 anni abbiamo avuto anche due tastieriste, ma alla fine abbiamo
deciso di rimanere noi quattro e basta. L’alchimia tra noi non manca,
siamo ottimi amici anche fuori dalla sala prove, anzi forse è preferibile
definirci come quattro amici che fanno musica.

Quali sono le vostre influenze? 

Leonardo è arrivato al rock con gli AC/DC, ma è cresciuto nel grunge
anni ’90 degli Alice in Chains. Penso che questo si rifletta principalmente sul suo modo di cantare e di scrivere le linee vocali.
Luca è un grande amante dell’alternative rock anni 2000, in particolar
modo di Foo Fighters, Red Hot Chili Peppers e Muse.
Io (Matteo) affondo le mie radici più nel garage rock/stoner con una
profonda cotta verso Joshua Homme e qualsiasi nota che esca dalla sua
chitarra (Queens of the Stone Age su tutti).
Michele è l’onnivoro della band, quello che ascolta dal funk di Stevie
Wonder al metal dei Pantera senza dimenticarsi di tutto ciò che c’è nel
mezzo.
Ognuno di noi porta le sue influenze all’interno della band anche se
tutti condividiamo la passione per il rock in tutte le sue sfaccettature.

Come nasce una canzone dei B.K.? 

I brani vengono scritti in sala prove, ognuno porta il suo contributo.
Spesso partiamo da un riff che uno di noi ha trovato a casa o da im-
provvisazioni in sala prove e sviluppiamo il tutto. Generalmente siamo
lentissimi a scrivere, ci vogliono mesi prima che un pezzo venga suonato
dal vivo, con litigate e ripensamenti anche sui singoli dettagli. Sappia-
mo benissimo che sarebbe meglio se uno di noi arrivasse in sala prove
con lo spartito già pronto per tutti ma questo non si addice a quello che
siamo e a come vogliamo fare musica. Ci piace così,  abbiamo trovato
il nostro equilibrio e siamo felici.

Progetti per il futuro?

Primo su tutti scrivere nuovi brani: dopo le registrazioni di Migliorare in Peggio siamo tornati a comporre ed è stato bellissimo, ne sentivamo
la mancanza. Appena i nuovi brani saranno pronti non vediamo l’ora
di tornare a registrare.
Inoltre stiamo cercando di organizzare un mini tour in giro per l’Italia
per la prossima primavera ma spostarsi dalla nostra città non e facile,
i locali difficilmente rispondono e, anche tra musicisti, aiutarsi non è
sempre facile.

Ecco tutti i link per Seguire i B.K.!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...